Al Sud centinaia di minori in auto e sotto i ponti, al Nord in aumento i conflitti tra i genitori

//Al Sud centinaia di minori in auto e sotto i ponti, al Nord in aumento i conflitti tra i genitori

Al Sud centinaia di minori in auto e sotto i ponti, al Nord in aumento i conflitti tra i genitori

Più che Ombudsman, i garanti per l’Infanzia sono un avamposto nelle situazioni di emergenza. Soprattutto nel centro-sud devono misurarsi ogni giorno con le situazioni più drammatiche. «Al Parco Verde di Caivano allestiamo un centro polifunzionale in una periferia priva di tutto», racconta Cesare Romano che con un budget di 30mila euro deve occuparsi dei primati negativi della Campania: baby gang, gioco d’azzardo minorile, obesità infantile,evasione scolastica.

«Ci siamo accorti che gli insegnanti hanno paura di segnalare ai servizi sociali le situazioni a rischio e così abbiamo creato un sistema di segnalazioni riservate al garante», spiega Romano che dall’indagine sugli incesti ha scoperto 200 casi all’anno («ma sono 4 volte di più»). Tra il rione Madonnelle di Acerra e le piazze di spaccio di Scampia e Chiaiano, a cercare di sottrarre i minori al disagio si rischia la vita. «Nel Mezzogiorno, mezzo milione di minorenni vive sotto la soglia di povertà: uno su quattro non ha soldi sufficienti per alimentarsi e vestirsi in maniera adeguata- osserva Romano-.Il dilagare del cibo spazzatura a bassissimo costo è un’allerta sanitaria». Lo sa bene anche Antonio Marziale, garante della Calabria.

By | 2017-08-31T08:47:50+00:00 giugno 7th, 2017|Categories: News|Tags: , , |0 Comments